SUL VIZIO DELLA BESTEMMIA NEI CAMPI DI CALCIO

47

Notiziario di Telepace

martedì 16.11.2004

 

SUL VIZIO DELLA BESTEMMIA NEI CAMPI DI CALCIO

servizio di don Diego Acquisto

 

 

“Ho molto apprezzato il coraggio con cui il presidente del Coni Gianni Petrucci ha messo a nudo un diffuso malvezzo inerente alla bestemmia sui campi sportivi”. Lo ha detto al Sir, nei giorni scorsi, mons. Carlo Mazza, direttore dell’Ufficio nazionale per la pastorale del tempo libero, turismo e sport, all’indomani dell’intervento di Petrucci, che aveva dichiarato pubblicamente che “non è possibile continuare ad assistere in silenzio alle bestemmie. Se nessuno prende posizione – aveva aggiunto – lo faccio io”. “Qui non si tratta di impostare delle crociate o battaglie moralistiche – ha sottolineato mons. Mazza _ ma di evidenziare alla considerazione dell’opinione pubblica comportamenti e atteggiamenti del tutto non conformi ai valori e all’attività sportiva”. “L’appello del presidente del Coni ai valori di civiltà – ha proseguito mons. Mazza – è di per sé più che sufficiente per far riflettere e siamo al suo fianco per sostenere questa prospettiva di valori civili. Da parte nostra, guardando ai problemi di casa nostra, dove purtroppo l’abitudine della parolaccia è cosa davvero comune, e quella della bestemmia vera e propria non è così rara come si potrebbe pensare, vorremmo aggiungere che l’abitudine della parolaccia e peggio ancora della bestemmia, non lede soltanto la dignità della persona umana e dunque di una civiltà, ma lede ciò che è essenziale al sentimento profondo della parte più sana della nostra gente, della quale mortifica le più profonde convinzioni religiose e morali. Siamo più che convinti che l’accoglienza dei valori religiosi e morali, che sono parte integrante della cultura della nostra terra, faccia bene al calcio e allo sport in genere, come pure alla quotidianità del vivere civile. Nessuno mai, per una cultura distorta, dovrà sentirsi sminuito nella sua personalità dal rispetto convinto e convincente dei veri valori.

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More