Ritiro spirituale in Cattedrale del Clero agrigentino

In margine al ritiro spirituale del Clero agrigentino.  Ritiro che si è tenuto  in Cattedrale,  a cui hanno partecipato diversi diaconi permanenti ed  oltre cento presbiteri  diocesani, con l’aggiunta di una certa rappresentanza  dei religiosi, tutti  comunque  provenienti dai vari Comuni dell’agrigentino.

Un ritiro spirituale programmato, in un periodo e mese insoliti, con tutti gli accorgimenti previsti dalla pandemia coronavirus, in preparazione  al particolare evento che la Chiesa agrigentina  si prepara a vivere il prossimo 5 settembre, con l’ordinazione episcopale   di mons. Alessandro Damiano, del clero della Chiesa di Trapani, nominato da Papa Francesco arcivescovo coadiutore, con diritto di successione,  di don Franco Montenegro.

A suggerire la riflessione, all’interno e  nel contesto della maestosità della nostra Cattedrale di S. Gerlando, è stato  il Vescovo di Trapani, S.E. Mons. Pietro Maria Fragnelli. (nella foto)

Il Quale, come già nel primo annuncio a Trapani lo scorso 30 aprile, nel corso della sua riflessione, non  ha mancato  ancora di fare riferimento al vescovo favarese Filippo Iacolino,  che per la Chiesa di Trapani ha sacrificato la sua vita, lasciando una lunga scia di bene ed un ottimo ricordo del suo spirito di povertà e semplicità.

Mentre adesso, Dio sta permettendo un “misterioso scambio” con Mons. Alessandro Damiano che, subito affiancando il nostro don Franco, sarà successivamente il pastore che raccoglierà il testimone guidando la Chiesa Agrigentina.

Tempo quindi attesa, così come la parabola del Vangelo del giorno, delle dieci vergini, cinque sagge e cinque stolte,  che attendono lo sposo che tarda a venire per entrare con Lui alle nozze.

Parabola questa che, oltre a tante  altre  importanti annotazioni  di carattere culturale, offre al vescovo Fragnelli lo spunto anche per  opportune riflessioni per un fruttuoso esercizio oggi del ministero diaconale e presbiterale.

E ciò, per tendere sempre non ad una spiritualità  di “tipo moralistico”, quanto a coltivare e far crescere  una grande ansia di verità, sempre accompagnata da desiderio sincero di fraternità e giustizia, in questa nostra terra agrigentina segnata da  grandi personalità della cultura che hanno vissuto e descritto la particolare sensibilità del territorio, come Pirandello e Sciascia.

Il prete oggi, sveglio nella fede, vivendo l’attesa, anche quando lo Sposo tarda a venire, trasmette la sua comprensione della predilezione di Dio, interrogandosi anche per il ritardo dello Sposo e per il modo come si vive questo ritardo che genera crisi, nella vigilanza che sa attendere, guardando al di là del piccolo orizzonte temporale nella dimensione escatologica, che è davvero la sfida di oggi come lo fu per le prime comunità cristiane.

E lo specifico della tradizione e cultura cattolica è la custodia della vita comunitaria, da vivere  come attesa.

Già, la spiritualità dell’attesa !  in un momento in cui anche per  motivi vari particolari, facilmente anche comprensibili, l’attesa non è un atteggiamento  popolare, e la maggior parte della nostra gente considera l’attesa una perdita di tempo.

D’altra parte la cultura nella quale viviamo ci spinge continuamente a fare, senza perdere tempo, considerando l’attesa come qualcosa di molto passivo.

E qui la pazienza dell’attesa biblicamente intesa,  vissuta e gustata come uno spartito musicale da interpretare, capire, gustare nell’ansia, così come suggeriva Carlo Carretto.

Per questo, attualissimo – concludeva Fragnelli – il monito di Papa Francesco che non manca di richiamare  presbiteri  e vescovi alla santità, considerandosi peccatori perdonati, anche per  divenire  davvero strumenti di misericordia e di perdono.

Diego Acquisto

What do you want to do ?

New mail

I commenti sono chiusi.