Per i politici italiani, un corso di formazione con un unico insegnante

47

Se si seguisse l’esempio e l’insegnamento di Papa Francesco !  Con la sua disarmante semplicità di vita e di linguaggio, accogliendo e valorizzando l’aiuto di pochi, con coraggiosa tenacia, non c’è dubbio che Papa Francesco sia già riuscito e va riuscendo ad avviare  quel salutare cambiamento di cui  la Chiesa, avvertiva il bisogno per essere meglio “segno e strumento” di salvezza nel mondo.

Nella nostra epoca dei social,  la sua parola semplice, scarna ed umanizzante incide non poco nel tessuto sociale,  provocando sconvolgimenti più o meno immediatamente  avvertiti sul piano politico.

Dove,  gli esperti che sono nella camera dei bottoni,   non riescono nemmeno a tagliare significativamente sprechi, privilegi,  enti e spese inutili.

Sembra evidente  la difficoltà in cui anche in Italia si muovono in questi giorni le forze politiche tradizionali cosiddette di destra, di centro o di sinistra. Forze   che  fino a qualche anno fa coagulavano il massimo dei consensi.

Diffusa  e palpabile è la sfiducia popolare,  in conseguenza del fatto che queste forze, ognuna con il proprio leader, alternandosi magari al potere,    non hanno saputo  approvare poche e semplici leggi “strutturali” per rendere più equa una società, in cui le diseguaglianze, specie  nell’ultimo lustro, sono enormemente aumentate.

Come è del tutto evidente non sono serviti i bonus ed altri   provvedimenti simili. E gran parte di popolo che non manca di fiuto, sin dall’inizio li aveva  giudicati negativamente, come fumo negli occhi e  solo per conquistare consensi in periodo elettorale.

Su tutta questa situazione, oltre alle parole e all’esempio di Papa Francesco non sono mancati altri appelli di autorevoli uomini  di Chiesa,  come quello del segretario della  CEI  Mons. Galantino, quando ha ammonito che  “i populisti non si combattono con altri populismi, … populismi fatti da proposte campate in aria,  ma con politiche attive per i giovani e il Mezzogiorno”.

Nel dibattito in corso mi pare di cogliere un anelito ed una convinzione che nessuno mette in dubbio. Che cioè  la democrazia vive di ricambio…..tenta di cambiare….proprio nel ricambio ha il suo DNA …

E se i Partiti non rispondono, sorgono i Movimenti, accolti anche con tutte le incognite da mettere in conto !…….ed i politologi ammoniscono che sarà difficile anzi impossibile, senza un vero cambiamento di marcia, che  i cittadini tornino rassegnatamente  ai Partiti da cui sono stati abbondantemente traditi e dai quali dovessero ricevere ancora (incredibilmente) solo parole , parole….promesse ….. con strategie di distrazione di massa.

I grandi politici di oggi, quelli che sono sulla scena e  si presentano più spesso alla TV, magari con spocchia  e sicurezza, … che rappresentano o pensano di rappresentare davvero le esigenze del popolo sovrano, forse  farebbero davvero bene ad organizzare  un bel corso  di formazione politica, – quella con la lettera maiuscola –  e, come leggo da qualche parte, accogliere il suggerimento di  scegliere come professore,  un unico umile insegnante: Papa Francesco”.

Diego Acquisto

 

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More