NOVENA di NATALE

49

Notiziario di Telepace – martedì 16.12.2003

NOVENA di NATALE

servizio di don Diego Acquisto

Novene, Messe, Presepi, nenie natalizie e suggestive tradizioni di folklore, iniziative varie di solidarietà : ad Agrigento come a Siculiana, a Canicattì come a Favara, a Licata, a Cammarata, a Sciacca, come a Caltabellotta, – città quest’ultima che per il suo naturale scenario ama chiamarsi città-presepio – scattano dovunque, in grande stile, in tutti i paesi della nostra provincia i festeggiamenti natalizi. Giorni particolari quelli che a partire da oggi vivono i fedeli che partecipano alle assemblee liturgiche, dovunque particolarmente sentite e partecipate. Inizia la NOVENA di NATALE, nove giorni di preparazione, durante i quali i fedeli sono invitati ad esultare di gioia per la manifestazione del Signore, quella gioia che esploderà a mezzanotte del prossimo 24 dicembre, con il suono delle campane che accompagneranno il Canto del Gloria, momento in cui, liturgicamente, si celebra la nascita del Bambino Gesù. Intanto, in questi giorni della Novena, a partire da domani, verranno cantate nei Vespri alcune antifone particolari che cominciano tutte con un’esclamazione di ammirazione, per cui, in taluni ambienti, la pietà popolare le chiama “Antifone O”. Si tratta di invocazioni ardenti, rivolte dalla Comunità Ecclesiale al suo Salvatore; grandi antifone, in cui, ogni giorno, di volta in volta, attingendo al patrimonio biblico, si cantano i diversi aspetti messianici del Salvatore Gesù.

E davvero numerose le iniziative di solidarietà, da parte di gruppi di volontariato, ecclesiali e non, gruppi parrocchiali, associazioni civili, comunità scolastiche di ogni ordine e grado. Nella città capoluogo come in tutti i centri della provincia. E’ impossibile tracciare una mappa completa di tutte le iniziative di bontà in programma nei prossimi giorni, anche se , giustamente, il direttore diocesano della Caritas don Vito Scilabra ha voluto ricordare che non bisogna essere buoni solo a Natale. Ma Natale – bisogna riconoscerlo – ha questo magico incanto, stimolare alla bontà, per cui in questo periodo si vedranno concreti momenti di solidarietà, e magari tante iniziative, in altri periodi prima solo pensate e progettate , che adesso invece troveranno davvero sintesi e attuazione. Come dire che Natale non è solo novene, musica, folklore, nenie, ma che a fianco degli zampognari ci sono proprio tante iniziative benefiche, che fanno da cornice meravigliosa al presepio, dove si rivive la magia dell’incanto con i pastori ed i vari personaggi, tutti orientati verso la Grotta per rendere omaggio al divino Bambinello, che con la sua nascita ha segnato profondamente la storia dell’umanità, destinata ad arrendersi al progetto divino di salvezza. E la situazione storica che stiamo vivendo, con le sue luci, ma anche con le sue ombre, stimola all’impegno fattivo, nella consapevolezza della necessità di un’epoca davvero nuova, con un diverso assetto mondiale, in cui Cristo deve nascere, col suo messaggio concreto di giustizia e di pace.

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More