Nello splendore della maestosità della Cattedrale, consegnato il “pallio” a S.E. mons. Alessandro Damiano

281

A margine della solenne concelebrazione per la consegna del Pallio a Mons. Alessandro Damiano (nella foto accanto). Nello splendore della   maestosità della nostra Cattedrale si è appena conclusa la solenne concelebrazione presieduta dal Nunzio Apostolico in Italia mons. Emil Paul Tscherrig che,  “in nomine Summi Pontificis “ ha imposto il pallio al nostro Pastore Mons. Alessandro Damiano, nel suo primo anniversario dell’ordinazione episcopale.

Contemporaneamente la Chiesa Agrigentina ha avviato, ufficialmente, la cooperazione missionaria con il Sud Albania. Presente  anchemons. Giovanni Peragine, Amministratore Apostolico di questa parte della regione albanese, l’Arcivescovo Damiano ha  conferito pure  il mandato missionario a don Riccardo Scorsone, Vicky Lipari, Giovanni Russo e Maria Vega, “mandati” a predicare e testimoniare in terra albanese “Cristo Crocifisso sapienza e potenza di Dio”.

La Cattedrale è risultata  gremita in tutti i posti disponibili, secondo le norme in vigore in questo periodo di pandemia. Molti i Vescovi presenti tra cui il primo arcivescovo-metropolita emerito di Agrigento, Mons. Carmelo Ferraro (nella foto accanto), apparso in ottima forma malgrado la sua età, dato  che nei prossimi giorni si appresta a compiere 89 anni; e naturalmente presenti soprattutto i  Vescovi delle due diocesi suffraganee di Agrigento,  cioè Caltanissetta e  Piazza Armerina, Mons. Mario Russotto e Mons. Rosario Gisana.

Tutto si è svolto bene, proprio alla perfezione ! dai Canti liturgici magistralmente eseguiti dalla Scola Cantorum,  ai vari passaggi  cerimoniali sotto l’attenta regia di don Rino Lauricella, all’ottima introduzione di saluto del Vicario Generale don Giuseppe Cumbo che ha dato il saluto anzitutto al Nunzio, ai vescovi presenti, al clero ed al popolo con particolare riferimento alle Autorità, civili e militari, per soffermarsi naturalmente più diffusamente, con un particolare tocco di stima e di affetto, su  Mons. Alessandro Damiano, pastore di questa Chiesa Agrigentina. A  cui ha proposto ed augurato di potere imitare alcune figure bibliche particolarmente significative. Un particolare quest’ultimo, alla fine ripreso, proprio alla conclusione, dallo stesso Mons. Alessandro Damiano, che ha parlato di un augurio-invito alla sua conversione, che naturalmente, come del resto per tutti, mai potrà e dovrà essere trascurato.

Ma a margine di tutto, nell’impossibilità di potere riferire altro, anche per comprensibili motivi di spazio, devo confessare che a me e sicuramente non solo ! anche cioè ad altri, e soprattutto sicuramente a Mons. Carmelo Ferraro, la mente è andata alla grande emozione di quel sabato 2 dicembre dell’Anno Santo 2000, quando nella grande sala del Palazzo Vescovile, veniva ufficialmente comunicata la notizia che la sede  vescovile agrigentina, dal Papa Giovanni Paolo II, era stata  dichiarata sede arcivescovile e metropolitana.

Una notizia che, a rivedere la cronaca di allora, – si faceva notare –   rimbalzava con gioia e soddisfazione, subito di città in città e di quartiere in quartiere, in tutti i 43 Comuni della nostra vasta diocesi. Una notizia che  coglieva di sorpresa, provocando, gioia e soddisfazione, allargandosi poi di raggio, quando, l’indomani domenica,  in molte parti si decideva per un festoso suono di campane, mentre l’annuncio veniva spiegato  nelle varie assemblee liturgiche domenicali  e raggiungeva così  tante famiglie e zone delle 194 Parrocchie della nostra Diocesi.

Un annuncio ai fedeli che da parte dei Presbiteri  comportava anche l’impegno di una catechesi sul senso di  “metropolia” e di “diocesi suffraganea“, come pure, in generale, sull’aspetto istituzionale della Chiesa, secondo la dottrina dei vari documenti del Concilio Vaticano II e segnatamente del decreto conciliare “Christus Dominus” sull’Ufficio pastorale dei Vescovi.

Alcuni concetti fondamentali dei quali,  sono anche ritornati negli interventi di ieri, soprattutto quando ha parlato il Nunzio e lo stesso nostro Mons. Alessandro Damiano.

Per  la Chiesa agrigentina, quello del dicembre 2000 è stato  un riconoscimento importante, fondato sulla storicità degli eventi e quindi nel riconoscimentto della realtà stroica.

La cerimonia di ieri si è potuta svolgere perché  questa realtà è stata riconosciuta dalla Sede Apostolica Romana. Agrigento così nel quadro del riordino del territorio ecclesiastico siciliano, voluto dalla Santa Sede, è stata conseguentemente elevata a metropolia, cioè  a sede metropolitana.

Un  riconoscimento del ruolo che la Chiesa Agrigentina ha svolto nei secoli, di  essere stata cioé una  Chiesa Madre, – se pensiamo quando, ai tempi di S. Gerlando, vescovo dal 1088 al 1100, proprio 900 anni prima, abbracciava un territorio molto più vasto di quello attuale, con tanti Comuni ceduti successivamente alle diocesi di Monreale, di Palermo e quindi a metà dell’800 di Caltanissetta, quando quest’ultima  divenne, nel 1844,  diocesi autonoma.

Un riconoscimento frutto dei sacrifici e dei conseguenti approfondimenti documentali e storici del compianto Mons. Domenico De Gregorio (nella foto accanto), che è riuscito completare la sua storia della Chiesa Agrigentina in  cinque volumi.

Un riconoscimento avvenuto, provvidenzialmente, durante l’episcopato di Mons. Ferraro (1988-2008), proprio all’alba del nuovo millennio e che continua ad  impegnare la nostra Chiesa Agrigentina, non solo ad   un  particolare senso dir responsabilità, ma anche   di esemplarità, specie nei riguardi delle due diocesi suffraganee di Piazza Armerina e di Caltanissetta.

E nel suo indirizzo augurale, il Vicario Generale  don Cumbo ha, forse anche per questo, voluto augurare all’arcivescovo Mons. Alessandro Damiano, – (da ieri anche, ufficialmente,  metropolita),-  di essere come lo sposo del Cantico dei Cantici. Uno sposo cioè profondamente innamorato, impegnato sempre più e meglio  a scoprire e valorizzare le bellezze della sua sposa, per l’incremento dello spirito missionario e dell’ impegno di evangelizzazione.

Diego ACQUISTO

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More