L’arcidiocesi agrigentina vive il Natale 2019 all’insegna del rinnovamento

La Chiesa Agrigentina con la nomina dei nuovi Vicari Foranei  completa l’organigramma del Governo pastorale, a livello periferico.  Porta la data del 19 dicembre  la comunicazione ufficiale dell’arcivescovo-metropolita di Agrigento card. Francesco Montenegro,  sulla nomina dei nove vicari foranei, in corrispondenza alle nove foranie in cui sono stati distribuiti i 43 Comuni della nostra vasta arcidiocesi. Che a sua volta, recentemente, come comunicato nei mesi precedenti, per ragioni pratiche è stata geograficamente divisa in tre Settori : Settore Centro – Settore Est – Settore Ovest.  Con tre Vicari Episcopali, cioè rispettivamente, nello stesso ordine, don Leo Argento con sede a Porto Empedocle,  don Giuseppe Agrò con sede a Canicattì e don Giuseppe Cumbo  con sede a Ribera.

Ricordiamo  che proprio questa piccola “rivoluzione” anche  geografica delle tre zone, con rispettivi Vicari  è  la novità di quest’anno; quella anzitutto a cui in più di un’occasione  ha fatto esplicito riferimento lo stesso don Franco,  che  “dopo avere sentito il presbiterio”, ha deciso di creare queste zone e   questi  tre “Vicari Episcopali di Settore”, per  “far sentire il Centro Diocesi più vicino a tutto il territorio della nostra Chiesa agrigentina”,…sostituendo le figure centrali del Vicario per la Pastorale e del Vicario per la Ministerialità”.

Che poi questa commistione ed  unificazione di “pastorale  e ministerialità” anche a livello centrale, con la nomina in Curia  di un unico  responsabile nella persona di don Rino Lauricella,  ci sembri la cosa più decisamente nuova e pastoralmente più efficace, ci sembra del tutto ovvio.  Anche  se prudenza esige di valutare i frutti concreti, dopo almeno un minimo di tempo necessario.

Ma intanto adesso con la nomina dei Vicari foranei,  con il  dettaglio delle nove Foranie e dei rispettivi Vicari foranei,  l’organigramma periferico di governo è davvero completo.

Ricordiamo  che  la potestà di tutti i Vicari, sia centrali che periferici,  di tipo vicario, fa sì che ognuno nel suo settore di competenza rappresenti il Vescovo, che comunque mantiene sempre, in ogni momento la possibilità di sospensione e di revoca, anche se nel decreto di nomina viene magari indicata la data di permanenza in quel servizio. Come per esempio, è chiaramente detto  che questi nuovi Vicari foranei, rimangono in carica per il quinquennio 2019- 2024.

Abbiamo detto nuovi, ma che in verità alcuni lo sono già stati vicari foranei in quinquenni precedenti o anche di recente.

Per  esempio don Giuseppe Argento lo era a Canicattì,  don Stefano Nastasi lo è stato a Lampedusa, don Mario Sorce pure  in precedenza e sempre  ad Agrigento; mentre  tutti gli altri ci sembrano veramente  del tutto nuovi a “questo delicato servizio”, come viene definito dallo stesso don Franco nella sua lettera.

Un servizio davvero prezioso e delicato, quello del Vicario foraneo, con tante incombenze  di cui si è investiti dalla fiducia del Vescovo, anche in rapporto alle concrete esigenze ed emergenze che nei vari Comuni possono esserci, oltre a quanto puntualmente e dettagliatamente  stabilito nel Codice di Diritto Canonico, nei canoni 553, 554 e 555.

Uno di questi nuovi Vicari foranei, cioè don Marco Damanti – da noi avvicinato nei giorni precedenti sulla possibile nomina, dato che era inserito nella terna che i presbiteri della forania avevano indicato all’arcivescovo – ci aveva risposto che personalmente avrebbe voluto sottrarsi  come  Giona che, come sappiamo,  preferì la fuga; mentre da parte  mia,  non mi è venuto difficile  rispondergli che  il Signore avrebbe  forse continuato comunque   ad inseguirlo.

E così è stato ! il Signore lo ha raggiunto ed adesso lo stesso dice di comunicare “con gioia” ma anche “con grande trepidazione” questa nomina, che lo chiama all’obbedienza.

Non ci resta che porgere a Don Marco ed a tutti gli altri, tanti, tanti  auguri,  pregando per Loro, fraternamente affiancandoli nel loro dovere  di  far crescere lo spirito di comunione. E non solo tra i confratelli.

Diego Acquisto

 

*********************************************

Ecco i presbiteri che, per decreto dell’Arcivescovo,  sono stati chiamati a svolgere il servizio di Vicari Foranei per il quinquennio 2019/2024:

FORANIA  –   VICARIO FORANEO

  1. Agrigento- (Agrigento)- Don Sorce Mario
  2. Aragona (Aragona-Favara-Comitini-S.Elisabetta-Raffadali-Ioppolo) – Don Damanti Marco
  3. Porto Empedocle (Porto Empedocle-Realmonte-Cattolica-Montallegro-Siculiana-Linosa-Lampedusa) Don Falsone Gioacchino
  4. Cammarata (Cammarata-S.Giovanni-Casteltermini) Don Cipolla Antonio
  5. Santo Stefano Q. (Bivona-Alessanria-Cianciana-S.Biagio-S.Angelo) Don Vella Marco
  6. Canicattì (Canicattì-Naro-Camastra-Castrofilippo-Grotte-Racalmuto) Don Morgante Calogero
  7. Licata (Licata-Palma di Montechiaro-Campobello di Licata-Ravanusa) Don Lo Mascolo Luigi
  8. Ribera (Ribera-Calamonaci-Caltabellotta e S.Anna-Lucca Sicula-Villafranca Sicula-Burgio) Don Argento Giuseppe
  9. Sciacca (Sciacca-Menfi-Sambuca di Sicilia-Santa Margherita Belice-Montevago) Don Nastasi Stefano

 

I commenti sono chiusi.