La stampa si interessa del libro “FRAMMENTI di VITA”

53

Don Diego Acquisto, il libro “Frammenti di Vita”: una vita a servizio dell’informazione

Don Diego Acquisto presenta il suo nuovo libro “Frammenti di Vita”, una raccolta di tutti i suoi migliori servizi spalmati in una vita dedicata all’informazione.

“Frammenti di Vita”, questo è il titolo del libro scritto da Don Diego Acquisto, storico parroco della Parrocchia S. Vito di Favara. Molti conoscono don Diego per il suo impegno nell’ambito del giornalismo e dell’informazione; già nel 1994 era direttore dell’informazione di “Radio Favara 101” e continua ancora oggi a ricoprire questa carica.

Oltre all’informazione, Don Diego ha dedicato gran parte della sua attività anche all’insegnamento, essendo stato docente di francese al Seminario Vescovile Minore di Favara, di cui è stato vicerettore, e successivamente insegnando materie letterarie presso altri istituti di Favara per un totale di 40 anni di insegnamento.

Dopo essere stato membro della redazione del settimanale cattolico agrigentino “L’Amico del Popolo”, pro-direttore di Telepace Agrigento, collaboratore del giornale “Penna Sottile”, Diego Acquisto approda nella redazione di Agrigentooggi e cura la rubrica “L’Angolo di don Diego”.

Per Agrigentooggi don Diego si occupa di temi importanti e si schiera sempre in prima persona nelle questioni che interessano l’intera comunità, come il problema della Cattedrale. I pezzi di don Diego invitano sempre alla riflessione e alla ricerca di un’umanità ormai perduta in un periodo storico che corre troppo veloce dimenticandosi dei veri valori.

Inoltre, per mezzo del quotidiano online Agrigentooggi, don Diego dà voce ai propri pensieri schierandosi sempre dalla parte dei cittadini nelle lotte sociali che le comunità di Agrigento e, specialmente, quella di Favara sono chiamate a combattere quotidianamente.

Persona sempre pronta ad aiutare il prossimo, anche in questa circostanza don Diego vuole ricordare quanto sia importante assistere chi è in difficoltà, i più bisognosi.
I proventi del libro, infatti, verranno interamente devoluti in beneficenza a favore della Conferenza S.Vincenzo di Favara e alla Missione di Ipogolo (Tanzania) della comunità Cristiani nel Mondo. Bellissima iniziativa, quest’ultima, di cui fa parte don Saverio Pititteri e che ha aiutato tantissimi bisognosi attraverso progetti concreti di realizzazione di importanti opere.

*********************************************************************************************************

Autore–Franco Pullara – 19-1-2019 su Sicilia on presse

Favara – “Frammenti di vita” il libro di Don Diego Acquisto

Favara – Don Diego Acquisto, parroco della Chiesa San Vito di Favara ha raccolto nel libro “Frammenti di vita” i suoi interventi pubblici che hanno caratterizzato il suo servizio pastorale.

Servizio pastorale non di un prete tutto messa e zitto, ma di un sacerdote che ha dato voce alle aspettative, al disagio e alle sofferenze della gente. Si può essere d’accordo o meno ai suoi interventi, ma don Diego c’è sempre stato ed è uscito dai confini della sua parrocchia per stimolare il percorso di una migliore qualità di vita della città.

Lo stesso libro “Frammenti” è un omaggio a Favara.

“Alla città di  Favara dove ho trascorso la mia vita presbiterale, trovando accoglienza, affetto, collaborazione, nel corso dell’anno 50mo del mio servizio come parroco di S. Vito ringraziando ancora per la cittadinanza onoraria”.

Il libro raccoglie in sette capitoli alcuni interventi pubblici (su L’Amico del Popolo, Radio RF 101, Telepace, Agrigento-Oggi, Penna Sottile)   su diversi temi, “viene stampato – dice don Diego Acquisto – dopo non poche mie perplessità, per  richiesta di alcuni amici, e soprattutto  grazie alla paziente, indispensabile fatica dei proff. Antonio Arnone e Giovanni Marchica, che ringrazio sentitamente ed ai quali si deve  non solo la scelta dei pezzi da pubblicare, ma anche tutto il conseguente laborioso impegno di revisione, correzione delle bozze sino alla stampa definitiva.

La mia presenza a Favara inizia qualche mese dopo la mia ordinazione presbiterale avvenuta il 29 giugno 1963 nella Cattedrale di Agrigento per le mani dell’arcivescovo Mons. Giovanni Battista Peruzzo, e  solo alcuni giorni dopo l’elezione  al soglio pontificio dell’arcivescovo di Milano Card. Giovanni Battista Montini, che  succede a Giovanni XXIII, il “papa buono”, che l’11 ottobre precedente aveva aperto il Concilio Vaticano II”.

La sua attività di giornalista ha affiancato il  servizio pastorale di parroco.

“Nei  documenti raccolti in questo volume – continua don Diego – si trovano alcuni “frammenti”, stralci e passi  del mio  cammino di vita di uomo e di sacerdote, impegnato in parrocchia, nella scuola e nei mass-media, da cinquant’anni a  questa parte sempre  a Favara. Una  città questa, caratteristica,  che spesso è stata presentata come un’immagine della Sicilia.

Nei  “frammenti”  che  sono stati scelti non da me ma dai due  professori citati – anche a mio giudizio –  c’è un filo rosso che li collega e che il lettore attento non  mancherà di cogliere, pur nel riferimento alle mutate situazioni della Chiesa e della società.

Situazioni che in questi miei interventi  sono state giudicate nel vivo della sensibilità del momento in cui sono state scritte ed offerte alla riflessione, esattamente nella data  sempre indicata.

E’ ovvio che alcuni comportamenti e giudizi sul piano pastorale e socio-politico risultano datati ed oggi sarebbero diversi;  ma forse anche per questo più meritevoli di attenzione perché testimoniano oltre alla personale partecipazione,  il cambiamento avvenuto e possono  stimolare  a capire meglio quello che è in atto.

Perché – come  ha ammonito Papa Francesco per lo stesso deposito della fede – “custodirlo non significa mummificarlo, ma renderlo sempre più conforme alla sua stessa natura e permettere che la verità di fede sia capace di rispondere alle domande di ogni generazione”.

Non solo !

“L’insegnamento di fede della Chiesa, è un annuncio, una parola che permane viva per provocare sempre, dovunque e tutti ad una presa di posizione libera per l’impegno nella trasformazione del mondo”.

Per concludere, sento proprio di dire che in questo mezzo secolo di vita a cui si riferiscono questi frammenti, abbiamo vissuto uno  storico  trapasso culturale,  segnato da  passaggi difficili, riuscendo  ad  entrare e realizzare comunque, malgrado tutto,   un sistema di più libera, consapevole e democratica convivenza umana.

Per quanto mi riguarda, pensavo che quelli miei, fossero stati interventi da tenere chiusi nella memoria  mia personale  ed anche in quella del computer  per  gli ultimi 25 anni.

Come ho già detto, l’ insistenza affettuosa, di Antonio e Giovanni, che ringrazio ancora di cuore per il loro lavoro,  e di qualche altro amico,  mi hanno indotto ad accettare la pubblicazione.

Devo anche confessare –  non me ne vogliano gli amici Antonio e Giovanni – che avevo fatto pure  un tentativo per esimermi dalla pubblicazione, ricorrendo ad un amico che risiede lontano da Favara, ma è stato peggio.

A questo punto perciò non mi è rimasto che formulare a me stesso ed a quanti leggeranno, l’augurio  che la lettura anche parziale e anche solo di un “frammento”, possa essere utile.

Diversi “frammenti” , forse, oltre a risultare  anche  una possibile pagina di cronistoria del passato prossimo,  mi  inducono anche ad  accarezzare   l’idea di  riuscire  pure a far  passare un messaggio di speranza.

Perché  da qualunque situazione, anche scabrosa, negativa o comunque di errore, si può sempre uscire, con la partecipazione e collaborazione democratica di tutti, con rispetto reciproco e determinazione, sia in campo socio-politico, che religioso-ecclesiale, per una più completa  maturità umana, realizzando così l’esaltante messaggio evangelico che mira sempre  a fare  scoprire e quindi  realizzare nell’uomo la vocazione a vivere da liberi figli di Dio”.

FRANCO PULLARA

19 gennaio 2019

 

+++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

 

 

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More