Basta HALLOWEEN ! Festeggiamo i Santi e commemoriamo i defunti ! No al colonialismo culturale.

39

HALLOWEEN: un miscuglio pericoloso di occulto e di senso del macabro, con “dolcetto o scherzetto” oppure, causa coronavirus, “scherzetto o infetto?”.  Eppure HALLOWEEN pare che non arretri. E sui social, qualcuno che non condivide –  a partire da qualche Parroco attento che si trova anche in terra agrigentina – comunica che  i commercianti sono già da qualche settimana  all’attacco, complice anche o soprattutto la Tv. Anzi si parla proprio  di “assalto per cancellare la nostra FESTA dei SANTI e dei MORTI, definendo  Halloween  una “americanata”.  Festa dei Commercianti, propagandata unicamente  per spendere soldi, a tutto danno delle  nostre tradizioni che il primo i novembre festeggiano i Santi e l’indomani commemorano i defunti.

 

Due ricorrenze, la festa ei Santi e “dei Morti”,  tanto sentite e tanto amate in genere dal popolo italiano e soprattutto  siciliano in particolare; e vorrei dire in modo particolarissimo dalle nostre parti  nei Comuni dell’agrigentino.

Ed è da alcuni anni, che da più parti è stato denunciato il rischio di una contaminazione  di queste due ricorrenze, vittime di un’abile strategia di  colonialismo culturale, ancora più grave e deprecabile perché fondato su interessi di carattere economico, che poi incidono negativamente sul sociale.

Insomma un certo tipo di colonialismo culturale che suggerisce continuamente   l’immagine di un mondo di plastica, senza valori, proteso solo al divertimento,  sempre e comunque, secondo regole e tempi che altri hanno stabilito per noi,  per raggiungere i loro poco nobili scopi.

Qualche anno fa, le cronache hanno riferito della lettera inviata alle famiglie da parte di qualche parroco della nostra diocesi, mentre la stampa nazionale ha dato rilievo all’ammonimento di diverse personalità, anche laiche, a livello nazionale proprio sulla festa di  Halloween.

Il cui nome significa letteralmente “Vigilia”, ed  indica il 31  ottobre ultimo giorno del mese e quindi vigilia di tutti i Santi. Una  vigilia che ha assunto negli Stati Uniti  forme spiccatamente macabre e commerciali

Una vigilia che  dovrebbe   far pensare  ad una festa tipicamente cristiana, per onorare  gli eroi della virtù dell’amore, vissuto con generosità  facendo crescere la cultura della solidarietà e dell’amicizia sociale.

Ma  che invece riflettendo  la cultura delle popolazioni celtiche pre-cristiane, voleva festeggiare all’inizio solo il passaggio dall’estate all’inverno, uscendo dalla dimensione temporale e consentendo  per questo l’abolizione del confine tra il mondo dei vivi e quello dei morti.

Nella notte di questo passaggio, fra il 31 ottobre e il 1° novembre secondo il calendario celtico, in un tempo strappato al tempo e in uno spazio abitato contemporaneamente dalla vita e dalla morte, i Celti credevano che i morti uscissero dalle tombe per far visita ai vivi, mentre fate, fatine  ed elfi, creature mitologiche considerate nemiche degli uomini, si pensava che si intromettessero per fare scherzi; scherzi macabri e  pericolosi per i vivi.

 

 

A questa credenza e a questo sistema culturale e religioso, tipici dell’Irlanda e della Scozia e diffusi successivamente negli Stati Uniti e in Canada, si collega l’usanza di far vestire i bambini da streghe, zombie, fantasmi e vampiri. Tutte figure che, in un modo o in un altro, richiamano lo stato di non-morte, il mondo dell’occulto e la dimensione del male. Non solo! da parte dei bambini bisogna andare a bussare alle porte delle case a chiedere “dolcetto o scherzetto?”.  Oggi, data la pandemia di coronavirus, si potrebbe dire, accogliendo il suggerimento di qualche comico: “Infetto o scherzetto?”

 

Insomma, a margine di tutto, in Halloween, c’è tutto un miscuglio pericoloso di occulto e di senso del macabro, che, contamina ed umilia le  nostre tradizioni a  favore dell’occulto e del  consumismo.

E non ci si può aspettare altro da  una festa a base di zucche, streghe e diavoli.

 

 

 

Accogliendo l’invito che viene da una sana pedagogia, l’augurio è che  genitori ed  educatori respingano e rigettino ogni illusione circa la valenza puramente ludica di halloween. E considerino invece il rischio concreto, soprattutto sui bambini,  degli effetti negativi,  insiti in  una festa, che  fa dello spiritismo e del senso del macabro il suo centro ispiratore.

Elementi tutti che  nulla hanno  a che vedere con la visione concreta, reale e cristiana, della vita e della morte.

Diego Acquisto

29-X-2020

 

 

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More