Favara ieri ed oggi – La Parrocchia dei Ss Pietro e Paolo promotrice di valide iniziative pastorali, che provvidenzialmente coincidono con momenti di particolari ed allarmanti situazioni, su “La voce” di Radio RF 101 – oggi,lunedì 5-XI-2018

59

Alcuni giorni fa la Parrocchia dei Ss. Pietro e Paolo, retta dal parroco don Marco Damanti, ha accolto il reliquiario della Madonna delle lacrime di Siracusa. Lo abbiamo detto e lo ripetiamo che non è la prima volta che la Parrocchia dei Ss Pietro e Paolo si fa promotrice di iniziative di grande valenza spirituale e pastorale  per questa Favara, ricca di tanti, proprio tanti e diversi talenti, e di tanta  umanità, ma contestualmente complessa e problematica.

Iniziative queste della Chiesa,  spesso programmate e pianificate mesi e mesi prima,  che talvolta coincidono provvidenzialmente  con  particolari momenti  in cui  il tessuto sociale  favarese  deve affrontare improvvise e   singolari difficoltà. Come  è avvenuto proprio in quest’ultima occasione,   durante la quale  la città, improvvisamente  balzata è  all’attenzione e ribalta dei media nazionali,  in un’ottica però  palesemente distorta,  subendo un’eccezionale ondata di fango che non merita. Cosa che ha suscitato subito e va ancora suscitando, pur  a distanza di più di una settimana,  un’ondata di rabbia e di sdegno come non mai, dato che la verità  è apparsa palesemente  calpestata ed  abilmente  manovrata, in maniera strumentale, forse per fare dimenticare altre cose ben più gravi, per l’Italia e per altre città, a partire dalla Capitale. Favara insomma come capro espiatorio di tante nefandezze che però si consumano altrove, mentre forse a Favara, in maniera  molto, ma molto limitata ….dello 0, 01 per cento. Però Favara, ingigantendo un caso limitato nel tempo e nello spazio, di un piccolo angolo di un rione abbandonato, è stata presentata come città in cui abbonda il sudiciume  fisico e morale, e quasi capitale della prostituzione in Italia. Cosa da non credere…..

Non c’è chi non  possa capire a che cosa ci riferiamo,  per il quale caso  il bravo Gaetano Scorsone, responsabile della pastorale sociale del CPC,  ha proposto  di “rifare un quarto grado a Favara”, per fare emergere la verità, quella vera ed oggettiva,  al posto dei modelli preconfezionati.

E tutto  ciò, anche  dopo la partecipatissima fiaccolata silenziosa del 12 settembre u.s., organizzata dalla Chiesa per rompere il silenzio dell’omertà sulla scomparsa di Gessica Lattuca , …. Una fiaccolata che  si è conclusa davanti alla casa di questa  povera ragazza. .. casa che dista  appena  qualche centinaio di metri dalla Chiesa, dove la  sera  del 29 ottobre scorso, in un clima di raccoglimento e di fede è stato accolto il reliquiario della Madonna delle lacrime.

Ed a proposito di altre iniziative simili, organizzati  in particolari momenti della città, proprio  quella sera, ricevendo il Reliquiario,  il parroco don Marco Damanti   ha fatto riferimento all’accoglienza della Madonna di Fatima di oltre un ventennio fa,  (esattamente nel maggio 1996), da parte sempre della Parrocchia Ss. Pietro e Paolo, con l’allora Parroco don Nino Giarraputo. Anche allora Favara viveva pure un  momento pure particolarmente problematico sul tema-legalità,  con un gruppo di malavitosi che  sfidava apertamente le forze dell’ordine, dato che  la  caserma dei carabinieri nei giorni precedenti era  stata fatta oggetto di  un vile attentato.

Come allora anche oggi, per il caso Gessica e gli eventi collegati, con le incredibili esagerazioni dei mass media, nella diversità di situazione , la Madonna anche stavolta con il messaggio eloquente  delle sue lacrime, è venuta  ancora a Favara per scuotere la coscienza di tutti dall’eventuale indifferenza, rafforzare la fede nel suo Figlio Gesù e quindi l’impegno di vita e testimonianza cristiana alla luce del Vangelo. Il cui passo proclamato, nel corso della partecipata assemblea liturgica, presieduta da don Baldo Reina,   rettore del seminario (che, all’ultimo momento,  ha sostituito il nostro pastore  cardinale don Franco), parlava proprio della guarigione di una donna inferma, costretta da tanti anni a vivere curva, piegata sul suo corpo, annientata da una sofferenza che le impediva di stare in pedi e  dritta, con la gioia di vivere.

E don Baldo ha trovato le parole più adatte per spiegare a tutti, uomini e donne, di ogni età e di ogni condizione sociale e di qualsiasi opinione religiosa e politica,  che col peccato si vive curvi, piegati verso il basso, mentre il messaggio liberante del Vangelo ci dà la grazia, la forza e  la gioia  di vivere con la schiena dritta, rifiutando compromessi e non piegandosi di fronte ad ingiustizie, prepotenze e sopraffazioni.

Le lacrime della Madonna, oggetto di venerazione   per alcuni giorni,   parlano di conversione e liberazione da ogni forma di idolatria e  schiavitù, rivendicando a fronte alta i propri diritti, contestualmente però al fedele compimento dei propri doveri.

Bando allora ad ogni forma di religiosità che può suscitare solo un’ondata di superficiale emozione o di vuoto sentimentalismo, ma una fede capace di opere concrete…una fede capace di unire le  forze di chi  vuole impegnarsi per andare avanti sui valori della fraternità e della solidarietà, contro ogni forma di  violenza e  sopraffazione nel rigoroso rispetto di quella verità che rende liberi.

Radioascoltatrici e radioascoltatori, don Diego Acquisto cordialmente vi saluta, e unitamente a  Tonino Lentini che cura la parte tecnica ed  anche a nome di tutto lo staff di Radio R.F. 101,  vi augura buona settimana con i programmi della nostra emittente.

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More