Editoriale di Radio RF101—lunedì 7-10-2019 “AFFAIRE” MOSCATO

Riprendendo dopo la pausa estiva, questa mia conversazione settimanale del lunedì, devo iniziare con una confessione e concludere con una mia sentita preoccupazione.

Intanto la confessione….alla fine la mia preoccupazione…..

Vi devo confessare che nei giorni scorsi avevo già preparato l’argomento con cui avrei ripreso questa rubrica settimanale, dopo la pausa estiva…il mio intervento l’avevo bello e pronto da un po’…. Se non che in questi ultimi giorni mi ritrovo con una situazione assolutamente nuova ed inedita….una situazione in cui Favara è alla ribalta della cronaca, non solo locale e provinciale, ma a raggio molto più vasto…..anche regionale ed oltre…per quello che è successo ad un valente giornalista favarese doc, la cui vicenda richiama tutti ad un valore fondamentale e fondante della vita democratica e civile, la libertà di stampa…….pilastro insostituibile di ogni democrazia….la libertà di stampa….la libertà di opinione espressa dalla libera stampa….libertà messa clamorosamente ed inopinatamente proprio a Favara, che è la citta dove ha sede la nostra emittente RF 101….. e dai microfoni di questa emittente volgiamo fare giungere la nostra solidarietà ad un valente collega giornalista di razza, che esercita con sommo onore questo nobilissimo compito che riguarda l’informazione, per cui ha pure ricevuto tanti attestati di stima, anche tante “medaglie” (tra virgolette) per il suo garbo, la sua obiettività, la sua esattezza, la completezza nell’informare senza manipolare le notizie….insomma la sua riconosciuta grande e non comune professionalità……..riconosciuta nel tempo anche da quelli a cui la notizia magari non era stata gradita….. avete capito tutti che mi riferisco a GIUSEPPE MOSCATO (nella foto)……..contro il quale si sente una voce rozzamente nervosa, che senza un minimo di stile e delicatezza, urla, …quasi di uno che proprio è uscito dai gangheri e dalla ragionevolezza, urla “Buttatelo fuori”, mi pare ripetuta più volte …….c’è chi le ha contate e dice 4…….chi vi parla ha preferito non soffermarsi…….avrebbe magari gradito sentire, – come ha scritto qualcuno che magari lo stesso scranno per diversi anni ha occupato, anziché Buttatelo fuori….magari avrebbe potuto dire accompagnatelo……fatelo accomodare fuori!!!!

Si trattava di un giornalista conosciuto, stimato della qualità di Giuseppe, il super Peppe, come amichevolmente e benevolmente viene spesso chiamato…..

Peppe Moscato che ad un certo punto non ha più sopportato questi bassi apprezzamenti personali rivolti a Lui e soprattutto alla categoria dei giornalisti…….in fondo era solo reo di avere alzato la voce per protestare contro gratuiti attacchi personali…dopo che Lui aveva svolto con tempestività il suo dovere, portando a conoscenza un pericolo per questo disastrato Comune…la possibilità che passasse un aumento notevole del gettone di presenza per le riunioni del Consiglio Comunale e delle Commissioni, che spesso si riuniscono….forse più del dovuto…..….gli attacchi personali sono sempre deplorevoli, specie poi se lanciati in quello che in una città è il luogo sacro della democrazia e da parte di chi, mancando ad un suo dovere, nulla prima aveva osato dire contro gli inopportuni attacchi …attacchi fuori luogo alla persona ed alla stampa….quindi non solo contro la sua persona, contro la sua professione, ma contro la stampa in generale…..stampa che nella libertà di opinione è il pilastro fondante di ogni vero sistema democratico, se democratico vuole restare….e Favara non vuole rinunciare e non rinuncerà alla democrazia, che anche a Favara è costata pure sacrifici ed anche sangue……

Giuseppe Moscato ha ricevuto e continua a ricevere una valanga di solidarietà, da parte di persone di tutte le categorie e di ogni condizione sociale…. ……basta controllare i social….facebook e non solo…anche da tanti gruppi di wattshapp ….Qualcuno ha scritto che Il confronto tra prospettive differenti e opinioni diverse è prezioso per tutti, perché un cittadino informato è, innanzi tutto, un cittadino libero.

Qualche altro preoccupato fa rilevare che a Favara, nel Palazzo o meglio da una parte di Palazzo, – ed è quello che comunque più ci addolora – “C’è un clima ostile contro la stampa“…… e quindi il titolo di un giornale che dice “il cronista “sgradito” allontanato dal Consiglio comunale…….

L’Associazione Siciliana della Stampa di Agrigento ha subito condannato il trattamento riservato al giornalista Giuseppe Moscato, presente ai lavori del consiglio comunale di Favara per informare la cittadinanza sull’esito degli stessi, stigmatizzando il fatto che durante il consiglio comunale, il collega è stato cacciato dall’aula. L’informazione – ha ribadito la segreteria provinciale di Agrigento- è un diritto fondamentale per i cittadini ed i giornalisti di questo sono strumento e voce per garantirlo.

La nostra opinione e preoccupazione di cui parlavo all’inizio è questa: …. Favara merita ben altro……Moscato è un brava persona ed un valente professionista…al quale bisogna essere grati per il servizio puntuale e completo che ha sempre offerto, ….compreso in questa circostanza che ha forse salvato il Comune dal disastro che sarebbe potuto derivare anche dall’aumento del gettone di presenza….dato che si parla di un altro dissesto in corso, oltre a quello già ratificato sino al 2015…….

In una società civile e democratica la libertà di stampa è sacrosanta e le istituzioni hanno prioritariamente il grave dovere di tutelarla…………

Quanto avvenuto è un fattaccio da dimenticare……e comunque sicuramente da non potere scrivere tra le pagine migliori di comportamento ….. La democrazia è stata conquistata a prezzo di tanti sacrifici e sangue……….

Favara in questi decenni di vita democratico-repubblicana è molto cresciuta ed adesso nella persona dei 24 Consiglieri che compongono la massima assise cittadina deve vivere con grande compostezza, e responsabile maturità il particolare momento amministrativo che è quello di una mozione di sfiducia in corso che collegialmente deve essere dibattuta, … e poi da parte di ogni singolo Consigliere, sia di maggioranza che di opposizione, eletto unicamente per il bene della collettività, coscienziosamente, deve essere approfondita … vagliata…..ponderata…..guardando unicamente e concretamente al bene comune……….e non a beghe ed interessi personali……

L’interrogativo a cui ogni singolo CC deve nel suo intimo rispondere è …..Qual è la cosa migliore per la città ?……….?……un interrogativo a cui non si può sfuggire…alla luce del sole……è il bello della democrazia che fortunatamente c’è, senza bisogno di cercarla chissà dove……e senza creare diversivi e distrazioni specie in questo momento…… diversivi e distrazioni sono la vera preoccupazione che potrebbero impedire di pigliare la giusta soluzione, in un senso o in un altro, quella che in coscienza si ritiene più utile alla Città…..

Radioascoltatrici e radioascoltatori, don Diego Acquisto e per la parte tecnica Lillo D’Anna, cordialmente vi salutano e come al solito, unitamente allo staff tecnico e giornalistico di Radio RF101, vi augurano buona settimana con i programmi della nostra emittente.

I commenti sono chiusi.