Don Antonio Nuara comunica di avere ricevuto risposta dal Presidente Draghi sui fondi del PNRR per la Sicilia

72

Il presidente Draghi risponde al Parroco Nuara. La risposta del Presidente del Consiglio Mario Draghi a don Antonio Nuara, è arrivata appena qualche giorno  fa, tramite e-mail, all’indirizzo di posta elettronica della Parrocchia dell’Immacolata di Ribera, a firma del capo di Gabinetto Antonio Funiciello,

Parrocchia  dell’Immacolata di Ribera dove ormai da alcuni anni è  parroco don Antonio Nuara, che nella prima decade dello scorso ottobre, proprio al Presidente Draghi aveva indirizzato una lettera aperta, di cui tanto si è  interessata la stampa, per l’importanza dell’argomento.

In questa lettera, don Antonio Nuara, (nella foto durante la trasmissione RAI “La vita in diretta) spesso definito “prete scomodo” – noto per le sue tante prese di posizione sui problemi sociali più scottanti del momento, – (e non solo per gli ammonimenti sull’importanza e sacralità della Liturgia, o  per  il suo duro intervento  contro “le spose scollacciate”) –  aveva alzato la voce per dire che la bocciatura dei 31 progetti presentati dalla Regione Siciliana e relativi a importanti infrastrutture irrigue del territorio, si traduceva per in irreparabile danno ai siciliani tutti, e non certo per gli esperti della Regione che avevano sbagliato e che comunque avrebbero tranquillamente continuato  a percepire il loro lauto stipendio mensile.

I  progetti infatti erano stai ritenuti incompleti, carenti in più punti e quindi non cantierabili, facendo di fatto perdere alla Sicilia il treno dei finanziamenti nell’ambito del Piano di Ripresa e Resilienza (PNRR).

La risposta presidenziale a poco più  di un mese di distanza   a don Nuara, inizia anzitutto  con un ringraziamento.

Testualmente il Presidente Draghi dice : “ La ringrazio per la Sua lettera, che ben rappresenta le legittime aspirazioni dei Siciliani”. Per affermare subito dopo  che  “…il PNRR è una straordinaria opportunità di rilancio per il Paese e per il Mezzogiorno in particolare”. E continuare col dire che “lo sviluppo economico del Mezzogiorno è una delle priorità trasversali del PIANO”. Perciò, sentite : “Al Sud  andrà il 40% delle risorse che possono essere ripartite con il criterio del territorio, ovvero 82 miliardi di euro”.

Non solo! ci pare davvero molto importante,  impegnativa  e, se  attuata,  risolutiva,  la conclusione, quando testualmente si dice : “Il Governo valuterà la migliore strategia per permettere anche alla Sicilia di cogliere quest’occasione storica”.

Una promessa questa che francamente avremmo sicuramente desiderato, ma che in pratica davvero non ci saremmo aspettati ! la promessa cioè di Draghi di non fare perdere comunque alla Sicilia questa opportunità, sopperendo eventualmente e comunque alla possibile inefficienza dei tecnici della nostra Regione.

Tecnici su cui la Presidenza Musumeci farebbe assai meglio ad essere più attenta, premiando solo i risultati e (perché no ?) sanzionando eventuali mancanze dovute a disattenzione, superficialità e/o – peggio ancora –  carente preparazione per svolgere il proprio lavoro in un posto che, tra l’altro, risulta a tutti i siciliani e non solo, essere anche lautamente retribuito. Forse  anche più che nelle altre Regioni.

Diego Acquisto

15-11-2021

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More