COMMISSIONE PRESBITERALE SICILIANA

51

Notiziario di Telepace – giovedì 05.02.2004

COMMISSIONE PRESBITERALE SICILIANA

servizio di don Diego Acquisto

Si insedia domani a Palermo, con la prima riunione che si tiene nei locali della CESi di via Calatafimi, la rinnovata Commissione Presbiterale Siciliana, che, nel quinquennio 2004-2008, secondo quanto recita il nuovo Regolamento, all’ art. 1°“quale organo rappresentativo dei Presbiteri, collabora con la Conferenza Episcopale Siciliana nel suo servizio pastorale”.

Tale Commissione è costituita da due Presbiteri eletti dal Consiglio Presbiterale di ogni diocesi al proprio interno, dal Direttore della Segreteria Pastorale della CESi, da cinque Presbiteri di Istituti di vita consacrata o di Società di vita apostolica, designati dal CISM regionale.

Come ha tenuto, infatti, a sottolineare il Concilio Vaticano secondo, “tutti i Sacerdoti, sia diocesani che religiosi, per ragione dell’Ordine e del ministero, sono associati al corpo episcopale e, secondo la loro vocazione e grazia, servono al bene di tutta la Chiesa, partecipando essi, assieme ai vescovi, dello stesso ed unico sacerdozio e ministero di Cristo”. Ovviamente, tale unità di consacrazione e missione “esige la comunione gerarchica dei Presbiteri con l’ordine episcopale”. In questo spirito di comunione, collegialità e corresponsabilità, il Sinodo dei Vescovi del 1972, oltre ad approvare la costituzione dei Consigli Presbiterali Diocesani, ha richiamato l’aspetto sopradiocesano del ministero presbiterale, auspicando anche organismi che favoriscano “la più ampia possibilità di mutuo contatto tra le Chiese locali”. Un servizio importante e delicato allora quello che si accinge a continuare la nuova Commissione Regionale, che, sempre a norma del citato Regolamento, deve attuare la collaborazione con i Vescovi, “nella ricerca, nell’individuazione e nell’approfondimento dei problemi pastorali di carattere regionale e, in particolare, di quelli relativi alla vita, alla formazione e al ministero presbiterale”.

Intanto in questa prima riunione di domani, il Vescovo delegato Mons. Salvatore Di Cristina, ha messo all’OdG gli adempimenti statutari, cioè l’elezione del Direttivo e del Segretario, l’elezione dei rappresentanti alla Commissione Presbiterale Nazionale, la prima individuazione dei problemi pastorali, con la costituzione di eventuali commissioni di lavoro. Un particolare riferimento viene riservato al Centro Regionale di formazione permanente, “Madre del Buon Pastore”, che ha sede a Baida e che attualmente è privo del suo Direttore, dopo la nomina di Mons. Mario Russotto a Vescovo di Caltanissetta.

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More