CENTRO SPORTIVO ITALIANO

49

giovedì 06.03.2003

CENTRO SPORTIVO ITALIANO

servizio di don Diego Acquisto

Nelle gare sportive organizzate dal Centro Sportivo Italiano, saranno i fratelli Gerlando e Salvatore Vaccaro della Parrocchia S. Vito di Favara, e Sedita Danilo dell’Oratorio “Frassati“, della Chiesa Madre di Castrofilippo a rappresentare la provincia di Agrigento, nella fase nazionale della Corsa Campestre, che si svolgerà a Pestum, in provincia di Salerno, dal 28 al 30 marzo prossimi. La designazione è avvenuta domenica scorsa, 2 marzo, a Bronte, in provincia di Catania, dove si è svolta la fase regionale e Salvatore Vaccaro si è classificato al terzo posto della categoria esordienti, mentre il fratello Gerlando, della categoria ragazzi, si è assicurato il passaggio alla fase nazionale, con il sesto posto; Danilo Sedita si è affermato nella categoria cadetti, al dodicesimo posto. Ben tre qualificazioni della nostra provincia, che premiano l’impegno e la dedizione dell’animatore sportivo Giuseppe Farini , che, nella sua qualità di responsabile del centro Sportivo della Parrocchia S. Vito di Favara, ha seguito le varie fasi preparatorie. Una manifestazione di grande richiamo, questa organizzata dal Centro Sportivo Italiano a Bronte domenica scorsa, che ha visto la partecipazione di decine e decine di ragazzi dagli 11 ai 14 anni, provenienti da tutte le parti dell’isola, che avevano superato l’eliminatoria provinciale. Come è noto, il Centro Sportivo Italiano, che è un ramo della grande famiglia dell’Azione Cattolica, segue le tante associazioni sportive, che si costituiscono all’ombra del campanile, tra i gruppi ecclesiali e gli Oratori parrocchiali. Le gare di Bronte si sono svolte nell’ampio Parco annesso allo storico Castello di Nelson, l’ammiraglio inglese, che nel 1805 distrusse a Trafalgar la flotta francese, impedendo definitivamente a Napoleone Bonaparte di potere realizzare il suo sogno di conquistare l’Inghilterra. Un’atmosfera d’incanto, quella del Parco del castello di Nelson di Bronte, che ha fatto da suggestivo scenario all’agonismo appassionato di tanti ragazzi, che, accompagnati dai loro genitori, hanno vissuto un’esperienza indimenticabile. Nel programma della giornata, con le gare sportive programmate, non è mancata la partecipazione alla Messa, il pranzo comune in un caratteristico locale del luogo e la proclamazione ufficiale, con la consegna delle medaglie e dei diplomi, alla presenza di tante autorità. Un incontro quello di Bronte, organizzato dal centro Sportivo Italiano, che si è rivestito dei segni, del calore e dei colori di un momento di festa e di serena convivenza, momento gioioso di reciproca conoscenza e accoglienza, all’insegna della lealtà e dell’amicizia, ossia di quei veri valori che davvero lo sport deve tutelare e promuovere.

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More