Buona fine d’Anno e buon inizio: Che il 2021 sia migliore. Ma soprattutto che ci renda migliori.

34
Ricevo e condivido il messaggio ricevuto da P.Giuseppe Di Facta ofm, guardiano del Convento di Favara…… ecco:
” Ogni anno, la sera del 31 dicembre, la Chiesa ci invita a cantare il Te Deum di ringraziamento al Signore, per l’anno appena trascorso.
Quest’anno non sarà facile…
Ci vorrà il CORAGGIO di andare controcorrente e non guardare le cose da un solo punto di vista.
Ci vorrà la SAPIENZA per entrare in profondità nella lettura degli eventi, senza restare in superficie.
Ci vorrà il DISCERNIMENTO di non ripetere frasi fatte, ma di farsi convinzioni personali.
Ci vorrà la FEDE robusta che continua a credere nella visita del Signore e nella sua vittoria su ogni male.
Ci vorrà la MEMORIA per ricordare avvenimenti di luce seminati durante l’anno, anche se piccoli e poco rumorosi.
Ci vorrà l’UMILTÀ di non voler capire tutto e sempre, riconoscendo che gli eventi negativi della vita ci chiedono conversione.
Ci vorrà la virtù teologale della SPERANZA che crede nelle promesse del Signore anche quando le vede da lontano.
Potremo cantare il Te Deum per la CARITÀ che abbiamo ricevuto nei nostri momenti difficili e per quella che abbiamo donato a chi ha sofferto e pianto.
Dobbiamo cantarlo a piena voce come doverosa GRATITUDINE alle donne e agli uomini che si sono spesi, per professione o per vocazione, ad aiutare gli altri.
Io, in OBBEDIENZA alla Chiesa che ha sempre fatto questo, anche nei tempi di pestilenza, di guerra e di persecuzione, stasera canterò il Te Deum, e ti propongo di farlo come segno di COMUNIONE con tutti i cristiani del mondo.
Buon anno 2021 di liberazione e di benedizione, fratelli.
Possiamo pregare che sia migliore.
Ma soprattutto che ci renda migliori.
Pax”

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More