Auguri di cuore a Papa Francesco che compie 85 anni

142

Auguri a Papa Francesco per il Suo 85mo compleanno . La Comunità Parrocchiale di S. Vito,  facendosi interprete anche dei sentimenti di larghissime fasce della  popolazione favarese, formula oggi i più sinceri, devoti ed affettuosamente sentiti auguri a Papa Francesco, nella ricorrenza del suo  85mo compleanno.

Ringraziando anzitutto   per il suo saggio ed illuminato servizio pastorale, che  anche come “parroco del mondo” da Vescovo di Roma, non  manca mai di far sentire la sua vicinanza  ed assicurare la sua preghiera nei momenti  anche di particolare  difficoltà. Come è avvenuto per  l’arcidiocesi  agrigentina,   in occasione della recente tragedia  che si è consumata nella città di Ravanusa, dove oggi sono in programma i funerali per le dieci vittime; numero che comprende anche il piccolo Samuele, la cui nascita era già programmata  il 15 dicembre u.s.

Per  Papa Francesco  dicembre è  comunque sempre un mese particolare,  dato che questo mese, oltre alla sua nascita a Buenos Aires, capitale dell’Argentina, il  giorno 17  del 1936,  ricorda anche  che nella stessa città è stato battezzato il successivo 25 dicembre, presso la parrocchia San Carlo Borromeo nel quartiere Almagro.

E ancora la sua ordinazione sacerdotale , avvenuta  il 13 dicembre 1969, mentre solo la sua consacrazione episcopale è avvenuta nel giugno 1992. Quando ha  scelto  il motto “miserando atque eligendo”; un motto tratto dal   passo evangelico in cui l’evangelista  Matteo  parla della sua chiamata da parte di Gesù, che vide  in lui un  pubblicano-peccatore.

E siccome Gesù lo guardò miserando atque eligendo, Matteo dice  di essere stato scelto con sentimento di amore misericordioso.

Una frase questa. autobiografica  del Vangelo di Matteo,  che Papa Francesco riferisce a se stesso, perché sente di averla vissuta proprio nella sua chiamata alla vocazione.

Come ormai non pochi dicono e scrivono,  Papa Francesco  è  come l’unico leader davvero globale, veramente unico in questo  momento. Un leader autorevole, con una capacità non comune di creare empatia,  e che convintamente  offre spunti di riflessione e compie concretamente gesti per la globalizzazione di un nuova cultura di fraternità. Una cultura  che cerca di coinvolgere tutti indipendentemente  dalla propria razza, ideologia , religione, …e solo in nome del Dio unico che ci vuole “Fratelli tutti”.

Un messaggio di fratellanza universale a cui  poi soprattutto in questo periodo ci richiama il Bambino Gesù che è nato a Bethelem 2021 anni fa,  e che come uomo-Dio,  ha avviato un cammino decisamente  nuovo  per l’umanità intera.

Un messaggio questo che Papa Francesco non trascura mai di rilanciare, anche e soprattutto in questo difficile  e problematico tempo di pandemia.

Emblematico in questo senso il Suo grido solitario , gridato al mondo  sul sagrato della Basilica di S. Pietro, in una piazza  vuota, quella sera  di pioggia e di angoscia del 27 marzo 2020, quando ha ammonito: “Nessuno si salva da solo”.

Un grido carico di significato,  in un silenzio  assordante.

Un grido che però  echeggiava in  milioni di preghiere,  toccando cuori e coscienze,  suscitando  un sincero  anelito di speranza,  in tantissimi telespettatori collegati in ogni latitudine del pianeta,  perché trasmesso in mondo-visione.

Grazie Papa Francesco ! ed ancora  auguri  fervidi per il suo compleanno.

Che il Signore Le dia ancora   lunga vita e  Lo sostenga nel Suo zelante  ministero a servizio dell’intera umanità; la cui coscienza Lui riesce a toccare spesso  nel profondo,  con la forte, dirompente ed incisiva semplicità evangelica  del suo linguaggio.

Diego Acquisto

17 dicembre 2021

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More