Anche la Parola di Dio proprio oggi dice: “Ristabilite nei tribunali il diritto”.

Ristabilite nei tribunali il diritto”. Lo dice la Parola di Dio

Proprio oggi, in questo mercoledì del tempo ordinario, la Parola di Dio contenuta nella Bibbia, che viene proclamata   in tantissime assemblee liturgiche non solo in Italia ma anche nel mondo, fa risuonare tra l’altro, proprio il versetto che abbiamo messo come titolo.

Si tratta di un passo del profeta  Amos, che, nato in un villaggio non lontano da Betlemme e  vissuto in Giudea  nell’VIII secolo a.C., dopo essere stato  chiamato da Dio ad esercitare la   profezia, concentra la sua attenzione sulla realtà che lo circonda  ed  esercita il suo ministero con parole semplici ed incisive, mettendo coraggiosamente il dito sulle piaghe sociali del tempo.

Ad Amos,  da parte degli studiosi   viene unanimemente   attribuito  il merito teologico di avere ammonito e denunciato un culto corrotto, esercitato con grande pomposità esteriore, mentre contestualmente si perpetravano tante iniquità che consentivano ad una fascia sociale ristretta di  crescere  nella prosperità ed arricchirsi.

E mentre anzitutto il profeta lancia il messaggio di fondo che è di “odiare il male e praticare il bene”, subito dopo, come prima cosa pensa la giustizia praticata nei tribunali e prima di dire altro, soprattutto su tutte le esteriorità religiose che non sono per nulla  gradite a Dio, dice proprio: “Ristabilite nei tribunali il diritto”.

E sembra una coincidenza provvidenziale  che la proclamazione di questo brano biblico capiti oggi in cui tutti i social, compiendo il loro dovere di informazione,  parlano di alcuni fatti, giudizi e parole di Magistrati, che se corrispondenti a verità meritano indubbiamente severe punizioni.

Anzitutto  nell’interesse  generale e poi  sicuramente della maggioranza  degli stessi Magistrati che  compiono fedelmente il loro dovere. Un dovere preciso per il giudice l’imparzialità.   Non solo ! come scriveva il  martire Rosario Livatino,  “il giudice  non solo deve essere  ma anche apparire imparziale”

A leggere invece i giornali in queste ultime settimane con quello che si è aggiunto ieri, sul caso Berlusconi,  ci sarebbe – (ed il condizionale è d’obbligo morale e giuridico, perché ancora tutto è sotto giudizio) – ci sarebbe una vera e propria rete di toghe sporche in tante, troppe Procure, da Milano alla Sicilia.

Per giunta, non si tratterebbe  di casi isolati, con la singola toga sporca che svende una sentenza. L’accusa, è molto più grave: perché per dirla con crudezza, pare che si  indaghi su un sistema di contropotere giudiziario, quasi con tutti i crismi dell’associazione per delinquere.

Perciò lo stesso Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, – che per la Costituzione è il Presidente del Consiglio superiore della Magistratura, – ha espresso  sconcerto  ed  ha invitato  il Parlamento a porre rimedio ad effettuare finalmente  una vera riforma, che pur tutelando il  prezioso valore costituzionale dell’indipendenza della Magistratura.  Ponga fine alla  “degenerazione del sistema correntizio” ed all’“inammissibile commistione tra politici e magistrati”.

Diego Acquisto

01-07-2020

I commenti sono chiusi.