1 e 2 novembre : giorni di riflessione e di comunione. Guardiamo alla vita eterna con i sentimenti del poeta bengalese Tagore

Pensa con fiducia alla vita che ci attende  il poeta bengalese Rabindranath Tagore:

 

«Un giorno dopo l’altro,
o Signore della mia vita,
starò davanti a te a faccia a faccia.
A mani giunte,
o signore di tutti i mondi,
starò davanti a te a faccia a faccia.
Sotto il grande cielo
in solitudine e silenzio,
con cuore umile
starò davanti a te a faccia a faccia.
In questo tuo mondo operoso,
nel tumulto del lavoro e della lotta,
tra la folla che s’affretta,
starò davanti a te a faccia a faccia.
E quando il mio lavoro in questo mondo
sarà compiuto, o Re dei re,
solo e senza parole,
starò davanti a te a faccia a faccia».

I commenti sono chiusi.