Cenni Geografici

Favara è una città in provincia di Agrigento, da cui dista appena 10 km. Situata a m. 345 s.l.m., con 38.000 abitanti. E’ un centro agricolo, di fondazione araba, adagiato sulla vallata dei verdi colli. Notevole la laboriosità dei suoi abitanti, molti dei quali lavorano nel terziario pubblico, statale, regionale o provinciale. Conserva il Castello siculo-normanno del sec. XIII costruito da Manfredi Chiaramonte. Località suggestiva è la collina Belvedere, annessa al Seminario Minore, sormontata dalla grandiosa statua di Cristo Sacerdote.

Favara ha avuto un grande e, in alcuni casi, purtroppo, anche disordinato, sviluppo edilizio. Perciò, la facile disponibilità di alloggio e  la sua favorevole posizione rispetto al capoluogo di provincia, attirano l’attenzione soprattutto di quanti per motivi di lavoro devono vivere ad Agrigento e che scelgono Favara come luogo di residenza. Anche per questo la popolazione risulta in continuo aumento, anche se bilanciato dai molti favaresi, emigrati all’estero per motivi di lavoro, in conseguenza della crisi economica e del blocco dell’edilizia negli ultimi anni.

La Parrocchia S. Vito comprende i quartieri del centro storico:

1“A Cruci” ” o zona del Calvario, la parte centrale e più significativa della Parrocchia, per il monumento sacro che custodisce e dove ogni anno, durante la Settimana Santa si riversa tutta la popolazione.

2) “A Trizzera”con annesse via collegate e la caratteristica Via Arco Mendolia.

3) “A Grutta”quartiere ricco di un dedalo di Vie, Viuzze, Vicoli e Cortili.

4) “U Cavatu”la parte più alta e più nuova della Parrocchia, con il maggior numero di ragazzi e giovani che frequentano la catechesi parrocchiale.

PARROCCHIA

L’istituzione della Parrocchia si ebbe con il Vescovo Mons. Giovanni Battista Peruzzo, nel clima di rinnovamento tendente ad aumentare le Parrocchie, per creare più strutture evangeliche di servizio, contro la tendenza precedente di accentrare tutto in un’unica Parrocchia esistente in ogni paese.

Dopo la Chiesa Madre, la Chiesa S. Vito è stata a Favara la prima ad essere elevata da Rettoria a Parrocchia. Il decreto vescovile di erezione porta la data del 10 gennaio 1935 con la dedica a S.Vito e Maria SS. della Neve. Una scritta in latino del prospetto centrale dice : “Ecclesia Mariae SS.ad nives et sancti Viti“.

In data 31 gennaio 1985 si è svolta una solenne concelebrazione presieduta dal vescovo, Mons. Luigi Bommarito, per festeggiare il 50° della Parrocchia. Tutto il quartiere ha vissuto momenti di autentico entusiasmo religioso-popolare. Una folla immensa di fedeli ha gremito sino all’inverosimile la Chiesa e l’omonima piazza antistante. In tale ricorrenza è stato, formalmente, costituito il Consiglio Pastorale Parrocchiale ed il Consiglio parrocchiale per gli affari economici, secondo le prescrizioni del nuovo Codice di diritto canonico.

Nel mese di Ottobre 2002 la Chiesa è stata chiusa al culto per lavori di restauro.

In data 22.05.2003,  conclusi i lavori, che hanno interessatola parte interna, il tetto ed il prospetto centrale, nonchè il rinnovo di parte della sacra suppellettile e di tutti i banchi, la Chiesa è stata riaperta al culto , con una processione in onore di S. Rita e con una solenne concelebrazione in Piazza S. Vito, animata dalla Corale “Jubilate Deo”, diretta dal Maestro Salvatore Lentini..

Grande la partecipazione popolare. Presente al completo la Giunta Comunale, con il Sindaco Dott. Lorenzo Airò, che ha letto durante la Messa la preghiera a S. Rita per la Città. Presente anche il Presidente del Consiglio Comunale ins. Stefano Nobile. Nella circostanza il Parroco, Don Diego Acquisto,  ha voluto festeggiare i 40 anni del suo Sacerdozio,  trascorsi a Favara, dei quali 34 a servizio della Parrocchia S. Vito.

Confini parrocchiali

Via Umberto a salire a partire dalla Via Pirandello e dalla Via Sott. Giglia; Via Zanella a salire, dalla Via Sottotenente Giglia; Via Piave; Via Arco Todaro e Via Campanella,all’incrocio con la Via Bers. Urso a salire; Via Archimede, Via Giotto, Via Empedocle a salire, sino alla Via Ales. Volta, Via Ospedale, Via Baronessa Mendola a salire sino all’incrocio con Via Della Grazia; Via Cola di Rienzo a salire, partendo dal Supercinema.

Popolazione della Parrocchia: 2193 abitanti. (Dato fornito dall ‘Ufficio di Statistica del Comune, dopo il censimento del 2001