C.C.P. & C.A.E.

Mandato al CPP – Solennità dell’IMMACOLATA   08-12-2014   con l’Abate ordinario emerito Don Benedetto Maria Chianetta OSB

CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE 2015-2019

  1. Acquisto sac. Diego -Parroco-                                                 Presidente
  2. Alaimo Craparo Gina (liturgia-ministranti)
  3. Azzaretto Antonio-Gruppo S. Marta
  4. Azzaretto Rosetta-Catechista
  5. Buggea Carmela-Gruppo liturgico
  6. Calafatello Lina-Gruppo Liturgico
  7. Cassaro Cascio Gabriella-Resp.AdP                                      Segretaria
  8. Chianetta Calogera Lorenza – Gruppo Liturgico
  9. Cipolla Concetta-Gruppo Liturgico
  10. Di Natale Piera- Responsabile Gruppo Preghiera P. Pio
  11. Dulcetta Salvatore-Gruppo S. Marta
  12. Farini Calogera- Anim.Catechesi
  13. Farini Luigi – Gruppo Liturgico
  14. Giglia Antonietta – Gruppo Santa Marta
  15. Lentini Presti Anna – Ministro straord.Comun.
  16. Leone Latona Gianna – Ministr. Straord.Comun
  17. Montaperto Lillo -Responsabile gruppo P. Pio-                Coordinatore
  18. Montaperto Mirella – catechista
  19. Mossuto Giuseppa-Ministr. Straord, Comun.
  20. Picillo Francesca- catechista
  21. Picillo Mariagrazia- catechista-animatrice catechesi
  22. Pirrone Bartolomea- Ministr. straord.Comun.
  23. Quaranta Margherita- catechista
  24. Quaranta Maria – catechista
  25. Sciortino Giuseppa-catechista
  26. Sferrazza Lupo Rosa – ministr, straord, Comun.
  27. Sutera Sardo Carmela-Delegata Missioni
  28. Vaccaro Rosaria-Gruppo liturgico
  29. Vullo Maurizio-Gruppo S. Mara
  30. Sciortino Franco-respons.Pastorale Familiare (Mandato il 31.01.2015)

Consiglio parrocchiale per gli affari economici

  1. Sac. Diego Acquisto, Parroco -Presidente-
  2. Azzaretto Antonio
  3. Lillo Montaperto (segretario)
  4. Calogera Farini -Cassiere-
  5. Giglia Antonietta
  6. Farini Luigi

STATUTO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE

Art. 1 – E’ costituito nella Parrocchia S. Vito e Maria SS. della Neve in Favara, il Consiglio Pastorale Parrocchiale, a norma del canone 536 del Codice di Diritto Canonico e secondo le disposizioni del Vescovo.

Art. 2 – Il Consiglio Pastorale Parrocchiale è l’organo ordinario, supremo e significativo della responsabilità ecclesiale di tutta la comunità parrocchiale.Art. 1 – E’ costituito nella Parrocchia S. Vito e Maria SS. della Neve in Favara, il Consiglio Pastorale Parrocchiale, a norma del canone 536 del Codice di Diritto Canonico e secondo le disposizioni del Vescovo.

Art. 3 – Il Consiglio Pastorale Parrocchiale studia, programma e verifica l’azione pastorale della Comunità, nel duplice momento di crescita interiore e di missione. In particolare: 1) sviluppa la coscienza pastorale dei laici, dei religiosi e religiose, del clero; 2) elabora un piano pastorale secondo gli orientamenti diocesani, in una prospettiva di collaborazione unitaria, armonizzando le diverse iniziative ed attività pastorali in una visione pastorale organica.

Art. 4 – Il Consiglio Pastorale Parrocchiale è composto da membri di diritto, membri elettivi e membri nominati dal Parroco.

Sono membri di diritto i ministri straordinari della distribuzione dell’Eucarestia ed eventuali diaconi e sacerdoti, con incarico pastorale conferito dal Vescovo per la Comunità.

Sono membri elettivi i rappresentanti dei vari gruppi, organismi e movimenti che operano in Parrocchia e la cui ecclesialità è riconosciuta dal Parroco, nonché i rappresentanti dei vari quartieri parrocchiali.

Art. 5 – Le elezioni per la scelta dei membri elettivi del Consiglio sono effettuate nei modo e nei tempi stabiliti dal regolamento approvato dal Parroco.

Art. 6 – Il Consiglio Pastorale Parrocchiale ha la durata di cinque anni. I membri elettivi del Consiglio, scaduti per compiuto quinquennio, possono essere rieletti.

Art. 7 – Sono organi del Consiglio Pastorale Parrocchiale l’Assemblea e il Consiglio di Presidenza.

L’Assemblea formata da tutti i membri del Consiglio ha il compito di promuovere e sviluppare le finalità proprie del Consiglio, secondo le indicazioni dell’art. 3.

Il Consiglio di presidenza, formato da non meno di cinque persone, ha il compito di tradurre in atto le decisioni dell’Assemblea, di convocare nella persona del presidente le riunioni, fissare l’ordine del giorno, coordinare il lavoro, decidere su questioni urgenti ed indifferibili. La Presidenza è formata dal Presidente, dal Presidente delegato e dal Segretario.

Art. 8 – Il Consiglio si riunisce, in ottemperanza alle disposizioni del Vescovo e secondo le esigenze di elaborazione e di attuazione del lavoro parrocchiale; inoltre si riunisce su richiesta di un terzo dei componenti. Per la validità delle riunioni è necessaria la presenza della maggioranza dei componenti il Consiglio.

Art. 9 – L’attività del Consiglio viene portata a conoscenza della Comunità nei suoi vari gruppi, tramite i rappresentanti eletti nel Consiglio. I documenti elaborati potranno essere pubblicati su un foglio parrocchiale o comunque divulgati anche attraverso i mezzi di comunicazione sociale.

Art. 10 – Il presente Statuto può essere modificato od integrato su richiesta di almeno un terzo dei componenti il Consiglio e con il voto favorevole della maggioranza dei due terzi, fermo restando quanto prescritto dal canone 536 del Codice di Diritto canonico e l’approvazione del Vescovo.